Tutorial: come scegliere la matita per disegnare.

La matita è l’elemento fondamentale per disegnare. Anche quando usate il pc per colorare una vostra illustrazione, la base per essa è sempre la matita e la sua scelta è importantissima.

Oggi, con questo piccolo tutorial, vi spiego come dovrebbe essere scelta la matita per disegnare. Ci sono, infatti, alcuni piccoli trucchi da adottare per fare la scelta giusta anche in questo campo.

Per prima cosa, parliamo di matita. Che tipo di matita scegliere?

Ecco, a questa domanda vi rispondo dicendo che le matite migliori sono quelle a mine. Ma, attenzione: le mine devono essere quelle grosse, esattamente come quelle che vedete nell’immagine qui sotto

questo implica che dovrete scegliere anche il supporto per le mine adatto, come quello di seguito

Sì, ok, il mio supporto è alquanto anziano, lo ammetto: lo uso dai tempi delle superiori e dubito che lo cambierò fino a che non si romperà. Perché vi dico di usare questo supporto e non le mine sottili o le classiche matite in legno?

Semplice: queste matite offrono la resistenza migliore per le mine. La mina in questo supporto non si romperà come nel caso delle mine più sottili (che hanno il brutto vizio di rompersi anche solo con un pressione un po’ più eccessiva su di esse) o delle matite (le quali, alle volte, è sufficiente che cadano per terra per rompere la mina al loro interno). Inoltre queste mine offrono anche una maggiore durata. Le mine sottili si consumano in fretta, mentre le matite bisogna temperarle spesso per arrivare ad avere una punta bella affilata.

Queste mine, invece, possono essere appuntite usando semplicemente un pezzo di carta vetrata. Non dovrete fare altro che tenere le mine leggermente inclinate su di esse e “strofinarle” sulla carta ruotando leggermente la matita su di esse per ottenere una bella punta.

Il primo consiglio, quindi, è quello di usare queste mine ed il relativo supporto.

Scelta la mina ed il supporto ideale, c’è ora da fare la distinzione del tipo della grafite. La grafite è il cuore della matita, in pratica la mina, e si suddivide in morbida (tutte le mine di tipo B) e dura (tutte le mine di tipo H).

Come si scegliere la grafite? Ecco, qui si deve iniziare a fare un discorso approfondito.

Per prima cosa, le mine da scegliere devono essere sempre due, una morbida ed una dura. La mina dura è quella che dovrete usare per fare il disegno, mentre la mina morbida è quella che vi servirà per “evidenziare” ed imprimere sul foglio le linee che vi interesseranno.

La tecnica di scelta è molto semplice.

Per quel che riguarda la mina dura, tutto ciò che dovete fare è prendere la mina ed un pezzo di carta. Tracciate una linea veloce e, poi, cancellatela con una gomma (mi raccomando, che sia una gomma bianca, non una di quelle cazzate colorate di rosso e blu che non servono ad una minchia o quasi – e rischiano anche di sporcare il foglio): se, una volta cancellata, la mina lascerà un segno solo appena percettibile, allora quella è la mina dura giusta per disegnare.

Dovrete provarne parecchie perché tutto dipende dalla vostra mano: maggiore è la pressione che esercitate, più dura dovrà essere la mina. Io, ad esempio, uso una mina 5h perché è quella più adatta alla mia mano, ma per voi potrebbe essere adatta anche una mina meno dura. Come ho scritto poco sopra: provate.

Per quel che riguarda la mina morbida, dovete scegliere quella che vi permette di evidenziare le linee senza lasciare troppi residui sul foglio. I residui, infatti, possono diventare molto pericolosi perché potrebbero sporcare il foglio. Anche in questo caso suggerisco di prendere un foglio e tracciare una linea e cancellarla. Se rimarrà leggermente più visibile rispetto ad una mina dura, allora avrete trovato la mina morbida adatta alla vostra mano. Io uso una mina 6b perché mi permette non solo di evidenziare bene le linee, ma se decido di fare un disegno a mano, questa mi permette di creare delle ottime sfumature semplicemente sfumandola con un fazzoletto di carta, una tecnica di cui vi parlerò poi, in un altro tutorial.

Ora che sapete come scegliere la matita in ogni sua sfaccettatura, non dovete fare altro che andare a cercare la matita adatta alla vostra mano ed iniziare ad disegnare con essa.

Ricordate che ci vorrà tempo per abituarsi, ma potete farcela solo continuando ad usarle.

G.E.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento di ringraziamento (anche anonimo) col form in fondo ad esso! Anche una sola parola o una faccina è sufficiente per farmi sapere il tuo apprezzamento!


separatore sito internet logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *