Saint Seiya Diaries – Adunanza ad Atene! Narada.

Dal Diario di Shion.

12 dicembre 1745

Ho ricevuto notizie da Dohko.

Pare che anche lui abbia ricevuto una visita di Gems nelle scorse settimane e quanto mi ha riferito mi ha non poco preoccupato. Ancora mi sfugge chi sia realmente quell’uomo e quale sia il suo scopo. L’unica cosa di cui sono consapevole è la sua indiscussa superiorità e carisma. Ah, se solo potessi avere maggiori informazioni, forse tutte le domande che assillano la mia mente svanirebbero! Perché tutto questo mistero? Perché tutto questo agire nell’ombra?

Sono sicuro che un giorno avrò le risposte, ma non posso far trasparire le mie preoccupazioni, ora più che mai. I compiti impartiti da Athena devono essere portati a compimento, nonostante le azioni di Gems.

In questi giorni sono arrivati i primi candidati al ruolo di cavaliere.

Se tutto va come prevedo, entro breve tempo avrò ripristinato le difese del Santuario, così come ordinatomi dalla mia Dea.

Tuttavia, per quanto io sia felice di sapere che dal mio popolo siano arrivati ben due candidati alla mia cloth, la mia attenzione è rivolta ad un uomo in particolare.

Dalle poche notizie che sono riuscito ad avere, quest’uomo ha poco più di vent’anni, eppure i miei incaricati mi hanno rassicurato sul fatto che questo giovane, Narada, possieda un enorme potere.

Non nascondo che queste informazioni mi hanno non poco sorpreso. Ieri, nel momento in cui è stato portato al mio cospetto, non ho avvertito un particolare cosmo provenire da lui. Ha tutte le caratteristiche proprie di un comune essere umano, ma c’è qualcosa che mi sfugge e il suo estraniarsi da tutto ciò che lo circonda mi insospettisce. Vedremo se si rivelerà degno di ereditare la cloth della vergine, ma dubito potrà conquistarla.

Non nutro, invece, alcun esito sul prossimo predestinato all’armatura dei gemelli.

Ho avuto modo di poter colloquiare con tutti e tre i candidati e sono sicuro che, tra questi, sarà Alexander a conquistare la terza casa e la sua cloth. Il suo cosmo è di una forza sconvolgente ed è di gran lunga superiore a quello degli altri candidati; inoltre è un uomo molto fedele alla Dea Athena e ai suoi ideali e la sua nobiltà d’animo è al di sopra di ogni sospetto.

Man mano che passano i giorni, mi sento sempre più tranquillo per la sopravvivenza e la sicurezza del Santuario e mi ritengo orgoglioso di come sto svolgendo i miei compiti.


18 dicembre 1745.

Dal diario di Narada.

Qualche giorni fa ho conosciuto il Sacerdote e ne sono rimasto fortemente contrariato. È un personaggio dal modo di fare irritante e altezzoso e, personalmente, ritengo che Athena abbia sbagliato a ad assegnare a costui un compito così delicato.

Ho preferito evitare di conversare più del necessario con una persona simile, sono qui per l’armatura della vergine, per poterla conquistare e conservare fino a che non arriverà colui che sarà il più forte dei cavalieri d’oro della storia, tutto il resto non conta e non ho intenzione di stringere rapporti amicali con chicchessia, tanto meno con quello Shion.

Dovrò attendere otto mesi per poter finalmente portare a termine il mio primo compito, devo solo portare pazienza e, nel frattempo, studiare la situazione al Santuario, conoscendo i miei futuri alleati cavalieri.

Tra quelli già conosciuti, Chiron è colui il quale maggiormente ha attirato la mia attenzione.

Prima della mia partenza dall’India, ricevetti una visita da Gems e, in quell’occasione, egli fu piuttosto chiaro riguardo al futuro del Santuario e alla maledizione che avrebbe colpito il Sacerdote in un prossimo futuro.

Sebbene io abbia visto al collo di Shion il prezioso ciondolo consegnatogli da Gems, non posso dimenticare le parole del saggio, secondo il quale c’è la possibilità che un cavaliere d’oro ambizioso possa vanificare il potere protettivo di quel monile.

Ebbene, penso che, qualora conquistasse l’armatura del toro per la quale concorre, il cavaliere in questione possa essere proprio Chiron. Di lui ho scoperto pochissimo, al momento, se non che ha un fratello di circa 10 anni più vecchio di lui, Demetrio, che concorre per l’armatura del Sagittario, ma il suo fare schivo e aggressivo si addice a quanto affermato dal saggio. Inoltre, per quanto ancora non se ne sia reso conto, Chiron ha un cosmo di potenza di poco inferiore al mio e questo è un indizio ulteriore a pesare su di lui.

Ah, dimenticavo: ho conosciuto anche Alexander, il candidato all’armatura dei gemelli…non credevo che i decerebrati e i deboli potessero concorrere per un’armatura, ma a quanto pare ero in errore! Lo detesto! Detesto lui e la sua debolezza, il suo ottimismo e quel maledettissimo sorriso perennemente stampato sulla sua faccia!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento di ringraziamento (anche anonimo) col form in fondo ad esso! Anche una sola parola o una faccina è sufficiente per farmi sapere il tuo apprezzamento!


separatore sito internet logo